Pianificazione energetica

Browse

La pianificazione energetica è ormai parte integrante ed imprescindibile delle strategie di sviluppo dell’azienda. Essa seguirà quelli che sono i dettami stabiliti in fase di definizione e adozione della politica energetica aziendale.

Una corretta ed attenta pianificazione ti consente di definire e programmare gli interventi e le attività per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti in fase di diagnosi energetica in termini di risparmio, efficienza e produzione di energia.

L'obiettivo generale cui mira la Pianificazione, è quello di individuare potenziali interventi in campo energetico finalizzati al risparmio economico.

Questo può avvenire con o senza riduzione dei consumi. In che modo?

  • Senza riduzione dei consumi: riduzione dei costi mediante la contrattazione delle tariffe dei combustibili e dell'energia elettrica, si tratta di interventi di ottimizzazione dei costi;
  • con riduzione dei consumi: corretta conduzione dell’azienda e degli impianti. Si riferisce alla situazione in cui tutto il personale è consapevole dei costi energetici e adotta semplici misure per risparmiare energia. Si tratta di interventi di risparmio energetico, di miglioramento dell'efficienza energetica e di autoproduzione energetica.

Al di là della contrattazione delle tariffe di combustibili ed energia elettrica possiamo quindi sintetizzare gli obiettivi della pianificazione in tre punti:

  1. risparmio energetico;
  2. efficienza energetica;
  3. autoproduzione energetica mediante l'uso di impianti a fonti rinnovabili.

La politica energetica aziendale rappresenta, quindi, l’insieme di decisioni e provvedimenti con cui la dirigenza intende gestire la propria azienda dal punto di vista energetico ed attuare un sistema di gestione dell’energia. Costituisce di fatto la base per la definizione e la revisione degli obiettivi che di volta in volta dovranno essere determinati.

Il documento riportante la politica energetica dell’azienda è anche comunemente identificato come documento di energy policy.

Nell’attuazione dell’energy policy , la direzione avrà cura di farsi affiancare da uno staff tecnico, che nei casi più comuni è costituito da un energy manager. La dirigenza e l’energy manager, occupandosi in prima persona della definizione delle strategie, si fanno carico delle scelte finali , relativamente al campo di applicazione, agli obiettivi, ai metodi per il monitoraggio dei risultati, agli indici di prestazione specifici caratteristici dell’azienda.

Per maggiori informazioni si consulti il sito internet dedicato all'ambiente, di Sardegna Ricerche

Aggiornato il 11/09/2017