FEAMP 2014/2020 - MISURA 1.32 Salute e Sicurezza

Browse
Oggetto del bando

Sostegno a valere sulle risorse previste nella misura 1.32, inteso a migliorare le condizioni di igiene, salute, sicurezza e lavoro dei pescatori, afferente alla Priorità n. 1 - Promuovere la pesca sostenibile sotto il profilo ambientale, efficiente in termini di risorse, innovativa, competitiva e basata sulle conoscenze.

La misura è volta a determinare migliori condizioni igieniche, di sicurezza e lavorative dei pescatori, in linea con l’obiettivo tematico di migliorare la competitività delle PMI previsto tra gli obiettivi tematici del Quadro Strategico Comune per la programmazione 2014/2020 (Obiettivo Tematico 3).
Tale miglioramento è essenziale per sopperire alla vetustà della flotta da pesca italiana e migliorare le condizioni dei pescatori; a questo proposito è stato stabilito di premiare, attraverso i criteri di selezione, sia le operazioni riguardanti le imbarcazioni più vetuste sia quelle che, nel recente passato, hanno imbarcato il maggior numero di pescatori.

La misura sostiene gli investimenti destinati a sicurezza, condizioni di lavoro, salute e igiene a bordo, dando altresì priorità alla salubrità del prodotto, a condizione che gli investimenti che beneficiano del sostegno vadano oltre i requisiti minimi previsti dalla normativa nazionale e/o comunitaria.

Spese ammissibili
Investimenti produttivi (IP), Servizi (S), Costi materiali (CM), Spese gestione (SG)
Macrosettore
Agricoltura
Data di scadenza dell'agevolazione
(a sportello)
Soggetti ammissibili

Pescatori, armatori di imbarcazioni da pesca, proprietari di imbarcazioni da pesca.

Progetti finanziabili

La misura finanzia investimenti a bordo o destinati a singole attrezzature, a condizione che tali investimenti vadano al di là dei requisiti imposti dal diritto dell’Unione o nazionale in materia di igiene, salute, sicurezza e lavoro dei pescatori.

Se l’intervento consiste in un investimento a bordo, il sostegno può essere concesso una sola volta per lo stesso tipo di investimento e per lo stesso peschereccio nel corso del periodo di programmazione; allo stesso modo, se l’intervento consiste in un investimento destinato a singole attrezzature, il sostegno può essere concesso una sola volta per lo stesso tipo di attrezzatura e per lo stesso beneficiario nel corso del periodo di programmazione (Reg. (UE) n. 508/2014, art. 32, par. 3).

Deve essere presentata una domanda di sostegno per ciascuna imbarcazione interessata dall’intervento. Non saranno prese in considerazione domande di sostegno riguardanti più imbarcazioni.

Agevolazione concessa

La misura prevede un’intensità massima dell’aiuto pubblico pari al 50% delle spese ammesse sulla base dei costi sostenuti dai beneficiari, secondo quando previsto dal par. 1 art. 95 “Intensità dell’aiuto pubblico” del Reg. (UE) n. 508/2014.

In deroga a quanto sopra esposto, si applicano i punti percentuali aggiuntivi dell’intensità dell’aiuto pubblico per i tipi specifici di operazioni elencati nella tabella sottostante (allegato I al Reg. (UE) 508/2014):

  • Interventi connessi alla pesca costiera artigianale: aumento di 30%;
  • Interventi attuati da imprese che non rientrano nella definizione di PMI: riduzione di 20%.

Il beneficiario può richiedere all’Agenzia Argea, entro e non oltre 90 giorni dalla data di adozione dell'atto di concessione, l’erogazione di un anticipo per un importo massimo del 40% dell’aiuto pubblico relativo agli investimenti ammessi.

Termini

Il periodo per la presentazione delle domande è fissato dal 30 settembre 2019 fino alle ore 12:00 del 29 novembre 2019.

Spese ammissibili

Le principali categorie di spese ammissibili riguardano:

−  costi sostenuti per l'attuazione dell'operazione;

−  costi di investimento chiaramente connessi all'attività di progetto.

− investimenti volti a migliorare le condizioni di igiene, salute, sicurezza e lavoro dei pescatori.

In quest’ottica il Reg. delegato (UE) 531/2015, al capo III, riporta le seguenti spese sovvenzionabili tramite il FEAMP:

Interventi sulla sicurezza – acquisto ed installazione di:

- zattere di salvataggio;

- sganci idrostatici delle zattere di salvataggio;

- localizzatori personali satellitari quali radioboe di localizzazione di sinistri, eventualmente integrati nei giubbotti di salvataggio e negli abiti da lavoro dei pescatori;

- dispositivi individuali di galleggiamento, in particolare tute da immersione o tute di sopravvivenza, salvagenti anulari e giubbotti di salvataggio;

- segnali di soccorso;

- dispositivi lanciasagole;

- sistemi di recupero dell'uomo in mare;

- apparecchiature antincendio quali estintori, coperte antifiamma, rivelatori d'incendio e di fumo, respiratori;

- porte tagliafuoco;

- valvole d'intercettazione del carburante;

- rilevatori di gas e sistemi d'allarme antigas;

- pompe e allarmi di sentina;

- apparecchiature per comunicazioni via radio e via satellite;

- porte e boccaporti stagni;

- protezioni sulle macchine, quali verricelli o tamburi avvolgirete;

- corridoi e scale di accesso;

- illuminazione di ricerca e di emergenza e illuminazione del ponte;

- sganci di sicurezza qualora l'attrezzo da pesca s'impigli in un ostacolo sottomarino;

- videocamere e schermi di sicurezza;

- armamento necessario a migliorare la sicurezza sul ponte.

Interventi in merito al miglioramento delle condizioni sanitarie per i pescatori a bordo dei pescherecci:

- acquisto e installazione di cassette di pronto soccorso;

- acquisto di medicinali e dispositivi per cure urgenti a bordo;

- prestazioni di telemedicina, tra cui tecnologie elettroniche, apparecchiature e diagnostica per immagini applicate alla consultazione medica a distanza dalle navi;

- dotazione di guide e manuali per migliorare la salute a bordo;

- campagne d'informazione per migliorare la salute a bordo.

Interventi in merito al miglioramento delle condizioni igieniche per i pescatori a bordo dei pescherecci:

- servizi igienico-sanitari quali gabinetti e lavabi;

- impianti di cucina e cambuse;

- depuratori per la produzione di acqua potabile;

- attrezzi per la pulizia ai fini del mantenimento delle condizioni igieniche a bordo;

- guide e manuali per migliorare l'igiene a bordo, compresi software.

Interventi in merito al miglioramento delle condizioni di lavoro per i pescatori a bordo dei pescherecci:

- parapetti e ringhiere del ponte;

- strutture di riparo del ponte e ammodernamento delle cabine per il riparo dalle intemperie;

- elementi per il miglioramento della sicurezza in cabina e per gli spazi comuni destinati all'equipaggio;

- attrezzature per diminuire la movimentazione manuale di carichi pesanti, escluse le macchine direttamente connesse alle operazioni di pesca quali i verricelli;

- vernici antiscivolo e stuoie di gomma antiscivolo;

- dispositivi di protezione acustica e termica e apparecchi di ausilio alla ventilazione;

- abiti da lavoro e equipaggiamento di sicurezza, quali calzature di sicurezza impermeabili, dispositivi di protezione degli occhi e dell'apparato respiratorio, guanti protettivi e caschi, o equipaggiamento protettivo anticaduta;

- segnali di emergenza e di allarme di sicurezza;

-  analisi e valutazione dei rischi per individuare i rischi che incombono sui pescatori sia in porto sia in navigazione, al fine di adottare misure atte a prevenirli o attenuarli;

-  guide e manuali per migliorare le condizioni di lavoro a bordo.

Sono considerati ammissibili altresì:

-  investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici (software) necessari alla realizzazione del progetto;

-  retribuzioni e oneri del personale dipendente;

-  spese materiali per indagini/analisi preliminari (ad esempio analisi chimico-fisiche, verifiche strutturali, rilievi geologici, ecc.).

Le spese generali sono collegate all’operazione finanziata e necessarie per la sua preparazione o esecuzione, disciplinate nel documento Linee Guida per l’ammissibilità delle Spese del PO FEAMP 2014/2020 (Spese Generali, paragrafo 7.1.1.14). Sono spese quantificate forfettariamente e ammissibili a cofinanziamento fino ad una percentuale massima del 12% dell'importo totale ammesso.

Nell'ambito delle spese generali per la consulenza tecnica e finanziaria, perizie tecniche o finanziarie, ai fini della verifica sulla congruità di tali costi, è necessaria la presentazione di tre preventivi di spesa confrontabili, prodotti da soggetti indipendenti. Ferma restando la libera scelta della ditta tra i preventivi trasmessi, l’importo del preventivo più basso corrisponderà alla spesa ammissibile.

Procedura

Le domande di sostegno devono pervenire ad Argea Sardegna – Servizio autorizzazione pagamenti e controlli FEAGA/FEAMP perentoriamente entro i termini di apertura e chiusura dell’avviso, con una delle seguenti modalità:

  1. spedizione a mezzo raccomandata A/R a Argea Sardegna – Servizio autorizzazione pagamenti e controlli FEAGA/FEAMP, viale Adua, 1, 07100 Sassari;

  2. consegna a mano, direttamente presso gli Uffici di Argea Sardegna – Servizio autorizzazione pagamenti e controlli FEAGA/FEAMP, viale Adua, 1, 07100 Sassari ;

  3. invio tramite posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo e-mail:argea@pec.agenziaargea.it, mediante la propria casella di posta elettronica certificata (o tramite quella propria del soggetto delegato), specificando nell’oggetto la dicitura “FEAMP 2014- 2020 - Domanda di sostegno relativa alla misura 1.32”.

Nel caso in cui la domanda sia spedita a mezzo raccomandata A/R (punto 1 precedente) o consegnata a mano direttamente agli Uffici di Argea Sardegna (punto 2 precedente), la stessa deve essere in plico chiuso. All’esterno del plico devono essere riportati i dati identificativi del mittente e la dicitura “FEAMP 2014-2020 - Domanda di sostegno relativa alla misura 1.32”.

Deve essere presentata una domanda di sostegno per ciascuna imbarcazione interessata dall’intervento. Non saranno prese in considerazione domande di sostegno riguardanti più imbarcazioni.

In caso di invio a mezzo raccomandata fa fede la data in cui la domanda è pervenuta presso gli uffici di Argea Sardegna (data rilevata sulla ricevuta di ritorno, non fa fede il timbro postale).

Alla domanda deve essere allegata la documentazione descritta al paragrafo 5) delle disposizioni attuative (Allegato 1 dell’Avviso pubblico).

Nella domanda i candidati devono indicare il proprio indirizzo, con specificazione dei recapiti telefonici e i propri indirizzi di posta elettronica, ordinaria e certificata, oppure quelli del delegato, tale indicazione è fondamentale per ritenere la domanda completa.

Criteri di valutazione

La domanda di sostegno sarà selezionata ed inserita nella relativa graduatoria di merito, esclusivamente nel caso in cui raggiunga un punteggio minimo pari a 1 con almeno due dei criteri riportati nella tabella di cui all'art. 7 delle disposizioni attuative.

In caso di parità di punteggio, si applica il criterio dell’età del beneficiario, dando preferenza ai più giovani.

Dotazione finanziaria
La dotazione finanziaria del bando è pari a € 210.870,00