Le imposte dirette e indirette

Browse

Per mettere a punto la gestione fiscale della tua impresa, ti aiuteremo a comprendere com’è articolato il sistema delle imposte in Italia.

Le imposte possono essere suddivise in dirette e indirette.

I tributi si definiscono diretti quando gli elementi che permettono di calcolare la base imponibile sono indicatori di tipo diretto, come: il patrimonio e i suoi incrementi di valore ed il reddito. Hanno la caratteristica di essere applicate direttamente sulla ricchezza, sia che questa esista già, sia che venga prodotta nel corso del tempo.

Appartengono alla categoria delle imposte dirette:

  • Irpef (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche);
  • Ires (Imposta sul Reddito delle Società);
  • Irap (Imposta Regionale sulle Attività Produttive).
     

I tributi si definiscono indiretti, invece, quando gli elementi che permettono di calcolare la base imponibile sono indicatori di tipo indiretto, come: i consumi, gli investimenti e il trasferimento della proprietà dei beni. Colpiscono, quindi, la ricchezza quando quest'ultima viene consumata o trasferita.

Fra le più importanti imposte indirette, possiamo considerare:

  • Iva (Imposta sul valore aggiunto);
  • Imposte di Registro, Ipotecaria e Catastale;
  • Imposta di Bollo;
  • TASI

Per ulteriori informazioni ed approfondimenti in merito, si consulti il sito dell' Agenzia delle Entrate

 

Allegati
IRPEF.pdf102.1 KB
IRES.pdf100.03 KB
IRAP.pdf98.26 KB
IVA.pdf103.46 KB
TASI.pdf80.24 KB
Aggiornato il 26/07/2017