13 marzo 2017: nasce il SUAPE

Con l’approvazione delle Direttive SUAPE entra in vigore il capo della legge n° 24/2016 “Norme sulla qualità della regolazione e di semplificazione dei procedimenti amministrativi” che crea in Sardegna, tra le prime regioni in Italia, un unico punto di contatto amministrativo per imprenditori e cittadini, un unico procedimento e riduce tempi e costi: il SUAPE. 

 

Il SUAPE riunisce le competenze dei SUAP (Sportelli Unici per le Attività Produttive) e dei SUE (Sportelli Unici per l’Edilizia).  D’ora in poi, diventa una realtà per tutti i cittadini sardi la possibilità di accedere alla pubblica amministrazione per via telematica e quindi senza limiti di orario e senza necessità di recarsi fisicamente negli uffici e l’obbligo per le Pubbliche Amministrazioni di predisporre in formato elettronico gli atti inerenti il procedimento unico.

 

La legge prevede che il SUAPE sia costituito entro 3 anni presso le Unioni dei comuni di cui alla L.R. 2/2016, ma che nelle more dell’istituzione del SUAPE, le funzioni siano svolte dai SUAP. Dal 13 marzo quindi tutte le pratiche devono essere presentate attraverso la sezione invia la tua pratica del portale ed è inibito l’invio di nuove pratiche dal portale sardegnasue, dal quale sarà comunque possibile consultare e integrare le pratiche presentate prima dell’entrata in vigore del nuovo procedimento SUAPE.

 

I SUE, dopo aver portato a compimento i procedimenti in corso, cesseranno la propria attività. Tutte le pratiche SUAP e SUE presentate prima dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni continueranno a seguire l’iter precedente.

 

Per aiutare i Comuni in questa nuova sfida e per consentire un uniforme e corretta applicazione del procedimento in tutta la Sardegna la Regione ha messo a disposizione diverse azioni di supporto: formazione gratuita per tutti gli operatori e per gli enti terzi, anche con strumenti di e-learning, una piattaforma di presentazione delle pratiche completamente rinnovata, più semplice e flessibile che fornisce anche il servizio di conservazione a norma delle pratiche digitali, un sistema per le conferenze di servizi telematiche, la modulistica unica regionale aggiornata, le Direttive operative chiare e dettagliate, una tabella con l’individuazione di oltre quattrocento autorizzazioni previste dalla normativa per cittadini e imprese, con l’indicazione di tutte quelle semplificate a comunicazione o SCIA, oltre al supporto telefonico e via mail per le problematiche amministrative e informatiche.

Per approfondire il nuovo procedimento consultate le Direttive o la sezione FAQ del sito.

Condividi su: