Rifiuti prodotti dalle navi, nuovi metodi di comunicazione

Browse
Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:"Liberation Serif","serif"; mso-fareast-language:ZH-CN; mso-bidi-language:HI;}

Cambiano i metodi di comunicazione per i rifiuti prodotti dalle navi. Il decreto del Ministero dell’Ambiente del 22 dicembre 2016 ha modificato il modello di notifica delle informazioni sui rifiuti presenti a bordo delle imbarcazioni, anche da diporto, da trasmettere prima dell’entrata in un nuovo porto di approdo. Il modello è previsto dal D.L. 182 del 2003. Il nuovo modello prevede maggiori dettagli su tipo e quantità dei rifiuti, nonché l’equiparazione dei rifiuti alimentari prodotti da navi provenienti dalla Sardegna a quelli delle navi provenienti dai Paesi extraeuropei.

 
11/01/2017