Coworking: un nuovo modo di vivere il proprio lavoro

Cos’è il coworking

Il coworking è un nuovo modo di vivere il proprio lavoro, che prevede la condivisione degli spazi lavorativi mantenendo un’attività indipendente. Per questo coloro che lavorano in coworking non necessariamente fanno parte della stessa organizzazione, anzi: in un unico ambiente si possono trovare più aziende e liberi professionisti operanti in campi anche lontani tra loro.

Il coworking non è ovviamente solo uno ambiente fisico, ma è anche e soprattutto uno spazio mentale e un contesto relazionale. Chi vive il coworking condivide spazi e idee in un ambiente collaborativo e stimolante: attraverso le interazioni quotidiane i coworkers possono sviluppare il proprio network in una community che unisce i pregi di un generatore di business alle qualità delle reti informali.

I vantaggi del coworking

I vantaggi del coworking sono molteplici. Le aziende e i liberi professionisti scelgono spesso lo spazio di lavoro condiviso per sviluppare il proprio network e trovare attorno a sé collaboratori e fornitori vicini ed affidabili. In questo senso l’ufficio classico o il lavoro da casa risulta una scelta perdente: il coworking permette di entrare in contatto quotidianamente con nuove realtà e di conseguenza con nuove opportunità di business e sinergie.

Più contatti

Il coworking è anche la soluzione migliore per creare e sviluppare una rete relazionale che vada oltre il semplice rapporto lavorativo. Chi entra in un coworking entra a far parte di un micro sistema sociale che nel tempo promuove l’interazione e la conoscenza tra i coworkers. L’aspetto umano è importante anche sul luogo di lavoro, e la possibilità di conoscere persone nuove ogni giorno è uno degli aspetti che più smarcano il coworking dall’ufficio singolo.

Meno burocrazia

Anche l’aspetto burocratico è spesso un fattore decisivo nel passare ad un ambiente di lavoro condiviso. Le aziende che gestiscono spazi dedicati al coworking mettono generalmente a disposizione dei coworkers postazioni o spazi con soluzioni chiavi in mano, senza la necessità di attivare i canoni e le utenze tipici di un ufficio classico. Il coworker non si deve preoccupare di allacciamenti e bollette: il coworking ha già tutti i servizi di base attivati e disponibili.

Meno costi

La mancanza di burocrazia si ripercuote inevitabilmente anche sui costi, altro fattore decisivo nella scelta di un coworking. L’utilizzo di una o più postazioni in spazi condivisi comporta quasi sempre un risparmio sulle spese, unito al risparmio dovuto al mancato pagamento degli oneri e delle utenze tipici di un ufficio classico. In sintesi, con il coworking si risparmia a tutti i livelli, con soluzioni su misura della propria realtà aziendale e svincolate dai costi della burocrazia.

Modalità di adesione e approfondimenti sul sito coworking italia

Fonte: coworkingitalia.org

Condividi su: