Buone prassi

Browse

Il Decreto 81 richiama in diversi articoli l’importanza delle buone prassi, per sottolinearne l’utilità, sia quando non esistono norme specifiche o linee guida che affrontano un problema specifico, sia quando possono essere introdotte in un' azienda allo scopo di aumentare il proprio livello di sicurezza, usufruendo gratuitamente dell’esperienza altrui.

In Italia l’organismo che si occupa della “validazione” delle buone prassi degne di divulgazione è la Commissione Consultiva Permanente.

N.1 Movimentazione centrata sulla persona (MCP)

Si tratta di una soluzione organizzativa e procedurale per ridurre notevolmente il rischio di lesioni dorso-lombari a carico degli operatori socio-sanitari, che svolgono compiti lavorativi a contatto con pazienti che necessitano di un supporto fisico per la loro movimentazione.

N.2 Impresa Sicura

Si tratta di uno strumento operativo idoneo a promuovere ed attivare la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali attraverso la valutazione dei rischi, l'adozione delle misure di prevenzione e protezione, l'informazione e la formazione.

N.3 Sicuri per mestiere: una storia non ordinaria di sicurezza in cantiere

La soluzione adottata consiste in un intervento per il miglioramento dei comportamenti individuali di sicurezza dei lavoratori. I fondamenti dell'intervento sono: 

  1. comunicazione tra gli attori coinvolti;
  2. osservazione dei comportamenti individuali, di sicurezza dei lavoratori;
  3. rinforzo positivo, fornito ai comportamenti sicuri.

N.4 Software per la valutazione degli equipaggiamenti elettrici delle macchine precedenti alla Direttiva Macchine (non marcate CE)

Supporto alle imprese del manifatturiero sulle tematiche correlate alla sicurezza elettrica delle macchine utilizzate nei processi di produzione.

N.5 La sicurezza non è un gioco

Applicativo in forma di videogioco finalizzato al consolidamento delle tematiche di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro attraverso un percorso nei meccanismi che influenzano la percezione dei pericoli e dei rischi.

N.6 Modulo di risoluzione del rischio

Il documento è stato redatto per delineare una “procedura operativa” che garantisse lo svolgimento in sicurezza delle attività subacquee di Ispra e delle Agenzie Ambientali, rivolto agli operatori del sistema delle Agenzie che svolgono attività subacquea di monitoraggio e controllo dello stato dell’ambiente.

N.7 Aghi sicuri

Si tratta di una soluzione tecnica risultata efficace nel ridurre significativamente le punture accidentali da aghi impiegati nelle pratiche mediche e infermieristiche, sia nelle strutture pubbliche che in quelle private.

N.8 Nuovo processo di valutazione dei rischi

Si tratta di una procedura innovativa per accedere alla valutazione dei rischi. 

N.9 “Sicuramen...E TRA noi”

Si tratta di uno strumento per l'erogazione di formazione, non obbligatoria, in materia di sicurezza per tutti i dipendenti del settore ambiente, al fine di migliorare il SSL.

Per maggiori approfondimenti, è possibile consultare gli allegati ivi presenti e il sito del Ministero del lavoro e delle politiche sociali

 

Aggiornato il 11/09/2017