La gestione degli aspetti ambientali

Browse

Qualsiasi azienda, attraverso le attività direttamente legate alla produzione e quelle “accessorie”, incide su una serie di aspetti ambientali. Gli aspetti ambientali su cui può impattare sono molteplici, basti pensare a:

  1. emissioni in aria, acqua e suolo;
  2. produzione di rifiuti;
  3. consumo di materie prime e di energia;
  4. utilizzo di sostanze pericolose.

Naturalmente l’incidenza ambientale dell’azienda, o del bene o servizio che essa produce, dipenderà molto dalle modalità con cui sono svolte le varie attività, per questo è importante comprendere come un'attenta gestione ambientale può minimizzare il carico sull’ambiente ottimizzando al tempo stesso consumi e organizzazione.

Negli ultimi anni, alla causa ambientale ha giovato molto la rinnovata attenzione verso la riduzione dei consumi. Stimolate da questa necessità impellente, infatti, molte aziende si sono organizzate in modo da gestire al meglio gli aspetti ambientali delle proprie attività e ottenere così al contempo benefici per tutti e un vantaggio economico e gestionale per la propria azienda.

Esistono strumenti, come i Sistemi di Gestione Ambientale, attraverso i quali la tua azienda può gestire in modo organico tutti gli aspetti ambientali su cui incide.

Si può decidere di optare per un sistema di gestione ambientale conforme alla norma ISO 14001 oppure decidere di fare qualcosa in più soprattutto sul lato della comunicazione e dell’impegno al miglioramento ambientale continuo e costruire il Sistema in modo che sia anche conforme al Regolamento Comunitario EMAS

Un Sistema di Gestione Ambientale (SGA) è uno strumento di organizzazione dell’azienda, che aiuta, come anticipato, a gestire gli aspetti ambientali e a migliorare le cosiddette prestazioni (ambientali, ndr) dell’azienda. 

Gestire gli aspetti ambientali significa:

  • individuare le fasi produttive e commerciali nelle quali si va ad incidere su determinati aspetti ambientali;
  • ricercare le modalità di lavoro o le tecnologie con cui l’influenza su questi aspetti può essere ridotta e gli ambiti prioritari su cui intervenire;
  • stabilire, adottare e monitorare le procedure ambientali.

Il sistema si imposta a partire dalla conoscenza dello stato iniziale (analisi ambientale iniziale) e quindi dalla valutazione del “carico” delle varie attività sugli aspetti ambientali. A questo punto l’imprenditore sceglie quali sono gli obiettivi di miglioramento che si vuole porre  e che si tradurranno in una politica ambientale e in un programma di miglioramento ambientale dell’azienda. 

Il miglioramento si ottiene attraverso:

  • la realizzazione degli interventi previsti nel programma, ad es: sostituzione di caldaie o installazione di impianti fotovoltaici;
  • la corretta applicazione delle procedure ambientali, cioè le procedure di gestione delle diverse attività che hanno incidenza su aspetti ambientali, o meglio le normali procedure dell’azienda formalizzate e, se necessario, modificate per fare in modo che quella determinata attività sia correttamente gestita dal punto di vista ambientale.

Tutto il Sistema deve essere alimentato da varie registrazioni (di consumi, anomalie, ecc.), monitorato e controllato attraverso degli audit o verifiche (vedi Guida ai Sistemi di Gestione Ambientale) e riesaminato periodicamente dall’imprenditore, che dovrà decidere se, in base ai risultati ottenuti e/o a nuovi obiettivi dell’azienda, sia il caso di apportare delle modifiche al Sistema.

Per maggiori informazioni, si consulti l'allegato ivi presente e il sito internet dedicato al SGA

Aggiornato il 11/09/2017