Fondo Selfiemployment

Browse
Oggetto del bando

Prestiti a tasso zero per l'avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da giovani NEET [Giovani tra i 15 e i 29 anni, privi di occupazione, non inseriti in percorsi di studio o formazione]. Il Fondo è gestito da Invitalia, sotto la supervisione del Ministero del Lavoro.

Spese ammissibili
Investimenti produttivi (IP), Servizi (S), Costi materiali (CM)
Macrosettore
Industria, Servizi, Turismo
Data di scadenza dell'avegolazione
(a sportello)
Soggetti ammissibili

Giovani NEET che alla presentazione della domanda possiedono i seguenti requisiti:

a. aver compiuto il 18esimo anno di età;

b. non frequentare un regolare corso di studi (secondari superiori, terziari non universitari o universitari) o di formazione;

c. non essere inseriti in tirocini curriculari e/o extracurriculari;

d. essere disoccupati ai sensi dell’articolo 19, comma 1 e successivi del d.l. 150/2015;

e. avere residenza sul territorio nazionale;

f. aver aderito al Programma Garanzia Giovani.

La domanda può essere presentata dai soggetti NEET in forma di:

  • imprese individuali, società di persone, società cooperative con max 9 soci, associazioni professionali e società tra professionisti costituite da non più di 12 mesi rispetto alla presentazione della domanda e inattive;

  • imprese individuali, società di persone, società cooperative con max 9 soci non costituite, purchè si costituiscano entro 60 giorni dall’ammissione.

    I requisiti soggettivi nelle società devono essere posseduti da:

  • Per le società di persone il rappresentante legale deve detenere la maggioranza assoluta delle quote societarie (51%) e possedere i requisiti;

  • per le società cooperative i soci rappresentanti la maggioranza assoluta numerica e di quote, nonché il Presidente della stessa, devono possedere i requisiti;

  • per le associazioni professionali e per le società tra professionisti tutti i componenti devono possedere i requisiti.

Progetti finanziabili

Produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising in tutti i settori ad eccezione di quelli non ammissibili alla disciplina comunitaria; pesca, acquacoltura, produzione primaria in agricoltura, lotterie, scommesse, e case da gioco.

Agevolazione concessa

Finanziamenti agevolati tra 5.000 e 50.000 € senza interessi, non assistiti da nessuna garanzia reale e/o firma della durata di 7 anni rimborsabile con rate mensili posticipate.

- Tra i 5.000,00 ed i 25.000,00 al netto dell’IVA per il Microcredito.

- Tra i 25.001,00 ed i 35.000,00 al netto dell’IVA per il Microcredito esteso.

- Tra i 35.001,00 ed i 50.000,00 al netto dell’IVA per i Piccoli prestiti.

Termini

Le domande possono essere presentate dal 12 settembre 2016 fino ad esaurimento dei fondi della Regione di residenza.

Spese ammissibili

Le spese relative a:

a) attrezzature, macchinari, impianti e allacciamenti;

b) beni immateriali ad utilità pluriennale, ad eccezione di brevetti licenze e marchi ivi comprese fee di ingresso per le iniziative in franchising;

c) ristrutturazione di immobili entro il limite del 10% degli investimenti ammessi.

d) le spese per l’avvio dell’attività.

Procedura

Presentazione della domanda

La procedura di accesso alle agevolazioni è esclusivamente telematica. Sarà necessario registrarsi nell’apposita area riservata alla presentazione delle domande di agevolazioni, che è disponibile sul sito di Invitalia.

Il piano di impresa è il documento dove il proponente illustra nel dettaglio l’idea imprenditoriale oggetto della domanda di agevolazione. Esso dovrà essere redatto sulla base dello schema che è disponibile nell’area riservata del sito di Invitalia, e dovrà contenere:

- dati anagrafici e profilo del proponente;

- descrizione dell’attività proposta;

- aspetti tecnici;

- analisi del mercato e relative strategie;

- aspetti economico-finanziari

Iter istruttorio

Il provvedimento di ammissione o di non ammissione alle agevolazioni viene comunicato a mezzo PEC entro 60 (sessanta) giorni dalla data di presentazione della domanda, fatti salvi i maggiori termini previsti nei casi di comunicazione dei motivi ostativi.

L’esame istruttorio è articolato in due fasi:

- Ammissibilità: verifica della completezza e regolarità della documentazione e possesso dei requisiti di legge;

- Valutazione di merito della domanda: secondo i criteri riportati nel seguito.

Criteri di valutazione

Valutazione di merito della domanda:

CRITERI:

1) Competenze tecniche e gestionali del proponente max 12 punti;

2) Fattibilità tecnica ed operativa del programma di investimento max 8 punti;

3) Definizione del mercato di riferimento max 8 punti;

4) Sostenibilità economico finanziaria dell’iniziativa proposta max 8 punti;

5) Consapevolezza del proponente (per i NEET che hanno concluso il Percorso di accompagnamento di cui alla misura 7.1 del PON IOG). max 9 punti;

La valutazione sulla base dei criteri indicati si conclude con la:

- verifica della sostenibilità economica/finanziaria dell’iniziativa;

- verifica della coerenza complessiva del progetto di impresa;

- predisposizione di un piano di tutoring coerente con le esigenze formative segnalate nel percorso di accompagnamento e con le risultanze della valutazione istruttoria.

La soglia minima è 30 punti.

Dotazione finanziaria
La dotazione complessiva del bando per la Regione Sardegna ammonta € 867.367,85.